martedì 28 settembre 2010

“L’empire des lumières” di Renè Magritte

olio su tela, 195 x 130  - 1954 - Peggy Guggenheim Foundation di Venezia- 

Ne "L' Impero delle luci" ho rappresentato due idee diverse, vale a dire un paesaggio notturno e un cielo come lo vediamo di giorno. Il paesaggio fa pensare alla notte e il cielo al giorno. Trovo che questa contemporaneità di giorno e di notte abbia la forza di sorprendere e di incantare. Chiamo questa forza poesia.

Renè Magritte






.

15 commenti:

  1. Erich Fried
    Rifugio
    Talvolta io cerco rifugio
    da te e da me
    dalla collera per te
    dall’impazienza
    dalla fatica
    dalla mia vita
    che toglie speranze
    come la morte
    Io cerco difesa
    dalla quiete troppo quieta
    Io cerco in te
    la mia debolezza
    Questa mi deve venire in aiuto
    contro la forza
    che io
    non voglio avere

    RispondiElimina
  2. Non saprei definire, perché non sono un critico, in cosa consista più esattamente la indubbia grandezza di Magritte. Ma quella frase mi fa' pensare ad una profonda metafora della storia, della società, della vita.

    RispondiElimina
  3. secondo me l'insieme offre un maggior senso di intimità, di conforto, di pace.

    La casa con il lampione acceso e quelle luci calde al primo piano, sono un porto sicuro a cui approdare, se il cielo fosse stato scuro e notturno avrebbero potuto apparire più inquietanti, il cielo chiaro è un segnale ulteriore di sicurezza

    viene voglia di scoprire cosa ci aspetta in quella casa

    RispondiElimina
  4. In tre righe e mezzo di recensione...l'essenza del dipinto!! Bravissima.

    RispondiElimina
  5. sì, luce poesia...
    mi smarrisco qui da te, in una fiumana di sensazioni struggenti, tra scelta musicale, raffinatissima e proposte, altrettanto raffinate, di immagini...
    sono felice che tu mi venga a trovare.
    grazie per tanta bellezza.
    sì, poesia.

    RispondiElimina
  6. Ho sempre trovato magnifico ma anche un po' inquietante questo dipinto, il giorno ed un cielo azzurro non riescono ad illuminare nè la parte alta dell'albero nè quella della casa, la luce, a sera, è data solo dal lampione, l'oscurità della sera, unitamente a quello stato di calma apparente, prevalgono, e qui ognuno può trarre una propria personale interpretazione.
    Magnico "le miroir d'eau".
    Bacioni cara Giacynta

    RispondiElimina
  7. E’ uno dei mie quadri preferiti in assoluto. Visto dal vero è impressionante anche per la grandezza. Una volta vicino Como ho visto una casa simile nella notte, con l’ingresso illuminato, ed è stata una strana emozione. Per me è la sintesi fra giorno e notte, conscio e inconscio, razionalità e mistero.

    RispondiElimina
  8. Ammiro e resto ogni volta incantata davanti alle atmosfere che riesce a creare Magritte con la sua arte!
    è sempre un piacere fermarsi qui a riposare!
    baci cara Giacynta...buona giornata! :-)))

    RispondiElimina
  9. @ Grazie, Antonio, trovo significativi gli ultimi versi. Il rifugio è proprio lì.

    @ Adriano, penso sia come tu dici; forse il contrasto sostanzia qualsiasi fenomeno.

    @ Amanda, il dipinto mi trasmette un senso di quiete, anche se solo relativa, provvisoria, forse perchè c'è un che di sacro, di misterioso che, più che rassenerarmi, mi incanta.

    @ Sandra, ti ringrazio. Magritte ha descritto il suo dipinto in maniera davvero efficace.

    @ Cristina, non voglio trovare parole, non sarebbero mai belle e necessarie così come quelle che trovo nelle tue poesie e nei tuoi commenti...

    @ Carmen, pensa che tempo fa questo dipinto mi tranquilizzava. Adesso lo vedo con occhi un pò diversi. In ogni caso, trovo geniale la sintesi degli opposti luce-ombra, caldo-freddo, aereo-grave e degli altri binomi che Eugenio ha messo in evidenza nel commento successivo al tuo. Il dipinto mi piace per questo, anche perchè, come notavo rispondendo ad Adriano, la realtà, interiore ed esteriore, forse è davvero fondata sugli opposti.

    @ Eugenio, condividiamo una predilezione ed uno stupore. Anch'io sono rimasta impressionata dalle dimensioni del dipinto quando l'ho visto dal vivo. Ho saputo, comunque che ci sono diverse versioni dello stesso soggetto.

    @ Cristina, mi piace leggere che questo è per te un posto sereno e piacevole!


    Vi ringrazio! Un caro saluto a tutti,
    Giacinta

    RispondiElimina
  10. giorno e notte, luce e buio, eterni amanti che si rincorrono,si intrecciano,si amalgamano e si completano l'uno nell'altro.

    RispondiElimina
  11. Un'immagine suggestiva! Ciao, un bacio

    RispondiElimina
  12. Ho visitato la Fondazione a Venezia molto tempo fa. L'ho trovata magnifica. Un piccolo scrigno, compendio di buona parte dell'arte dell'arte europea e americana della prima metà del XX secolo.
    Onestamente, però, non mi ricordavo di questo quadro: inquietante e bellissimo! Quindi dovrò tornarci. Della bellezza e dell'arte non ci si stanca mai.

    RispondiElimina
  13. Incantevole ma inquietante. Anche più di cinque stelle.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Ciao Giacynta, adoro Magritte e la sua rappresentazione utopistica della realtà!

    RispondiElimina
  15. @ Nela San : Vedrai, ti sorprenderà! Il dipinto occupa buona parte della parete ed i colori sono più chiari e brillanti che nelle riproduzioni fotografiche.

    @ Barbara: Sono naturalmente d'accordo!

    @ Sciarada : Un pò lo immaginavo!


    Grazie davvero, un caro saluto.

    RispondiElimina