giovedì 29 dicembre 2011

No(u)vel(le) cuisine - fulminante idea e fulminei bavaresi -





.
Nella mia vita ci sono delle costanti. Il nome "Giuliano" è una di queste. Ho più  amici  che si chiamano così e, fatto sorprendente, amano le identiche cose, ovvero leggere, scrivere e cucinare. 
Due delle passioni di Lhupo ( è lo pseudonimo di uno dei  Giuliano )   hanno trovato un punto di intersezione in un libro/quaderno di ricette pubblicato dalla Kellermann, la casa editrice della città in cui vivo.
E' un ricettario insolito, piacevolissimo da scorrere,  pieno di sorprese e curiosità;  ci si può oltrettutto concedere una lettura lenta:  le bavaresi, le creme, i budini, le salse, le coulis  che fanno capolino nel sommario sono tutte di veloce realizzazione e lasciano tempo per occupazioni altrettanto gradevoli.
Nelle prime pagine del quaderno, Giuliano rivela l' imprevisto e fulmineo concepimento dei dolci al cucchiaio facili e veloci  ...  




L'idea di fare il Bavarese* "veloce" mi venne per caso un venerdì pomeriggio di primavera inoltrata. Stavo mangiando un buon gelato, alla crema, seduto su una panchina dei giardini pubblici,  quando una signora,  avvicinandosi,  mi chiese l'ora.
- Le tre e un quarto - risposi prontamente, con un'istintiva rotazione del polso...
Ed era anche l'ora esatta in cui il mio gelato morì a terra senza un lamento.
Sorridemmo entrambi, non senza imbarazzo.
Lei se ne andò, mentre io rimasi a guardare gli ultimi sospiri del mio cono alla crema.
Quella chiazza gialla che si allargava ai miei piedi mise in moto il mio unico neurone. Mi alzai, andai in gelateria e acquistai mezzo chilo di gelato, circa otto palline, quattro al gusto di cioccolato e quattro al gusto di crema. Poi via di corsa a casa. Guardai l'orologio. Erano le quattro e dieci.   (... )




* comunemente si tende ad utilizzare il nome bavarese preceduto dall'articolo al femminile, magari sottintendendo la parola crema: la bavarese. Tuttavia il termine corretto sarebbe al maschile, in quanto deriva dal francese bavarois e perchè potrebbe essere sottintesa la parola budino: budino bavarese.
Ed è in questa forma che io l'ho utilizzato. ( NdA)


Giuliano Della Libera,  Il quaderno dei dolci al cucchiaio facili e veloci




Alle quattro e quaranta Giuliano sorride soddisfatto: il bavarese è nel congelatore a riposare per un po' prima di esalare l'ultimo sospiro... 





Clicca sull'immagine per leggere la ricetta






La casa editrice Kellermann 


Giuliano della Libera, Il libro dei dolci al cucchiaio facili e veloci






AUGURO A TUTTI UN FELICE NUOVO ANNO :)




.















.

29 commenti:

  1. Io le bavaresi le faccio con mezzo kg di panna, il succo di 1kg di frutta (Kiwi, fragole)nel quale va sciolto qualche foglio di colla di pesce. Aggiungo il composto alla panna muovendo il mestolo dall'alto al basso per non smontare il tutto e poi schiaffo in congelatore, per solidificare,dentro uno stampo da budino di quella casa che vende i contenitori di casa in casa , passo successivamente in frigo fino al momento in cui servo in tavola.

    Augiri!

    RispondiElimina
  2. L'augurio più bello di un felice 2012.
    Un abbraccione
    Bruna

    RispondiElimina
  3. Ho un noce che si chiama Giuliano, perché me lo regalò un contadino che portava quel nome. Fa ottime noci, è cresciuto alto e rigoglioso.
    Di dolci non mi intendo molto, so fare solo i "cenci", però la bavarese mi piace!
    Buon anno amica mia!!!!

    RispondiElimina
  4. Il solo pensiero del gelato mi fa rabbrividire in questa stagione... è un dolce invernale? Ciao e buon tutto -:)

    RispondiElimina
  5. Ahhh! Scena terrificante la morte del gelato! Che sofferenza vedere la cosa più deliziosa del mondo sfrantumarsi (lo so che non si dice ma rende meglio l’idea) al suolo.
    Ho fatto un giretto sul sito della casa editrice: bella davvero! Grazie per il suggerimento.
    Un sacco di auguri al gusto di cioccolato e crema per il 2012!

    RispondiElimina
  6. La morte del gelato è una cosa che non auguro a nessuno!Una sofferenza dalla quale non so se mi riprenderei,salvo comprarne subito un altro.
    Da profano,stupenda la musica di sottofondo al post.
    Buon anno,Costantino

    RispondiElimina
  7. Auguri di un 2012 dolce come le tue ricette ;)
    p.s. per un pelo chiamavano Giuliano pure il sottoscritto.

    RispondiElimina
  8. Non mi chiamo Giuliano,ma amo tutte quelle cose lì :)E se mi piacessero i dolci,sarebbe uno sballo,lo so.Ma è come per Barney : mi bastano gli zuccheri del whisky :)

    RispondiElimina
  9. Uno dei nomi previsti per me era Giuliana.L'hanno, invece, messo come secondo nome a mia sorella Gianna. Questo per dirti che il nome e le ( oppure i) bavaresi fanno parte della storia della mia famiglia.La domenica mio padre portava, come dolce, le paste bavaresi.Insomma, Giacinta,mi hai scatenato la nostalgia.
    Anche per questo mi piace leggerti, lo sai.
    Intanto tantissimi auguri per uno scintillante 2012 e un abbraccio forte forte

    RispondiElimina
  10. Grazie dei tuoi auguri al cioccolato. Alla bavarese, poi... :-)
    Auguri a te!

    RispondiElimina
  11. Il monaco eremita fugge un minuto dal suo scriptorium per farti i suoi più cari e sentiti Auguri!! :)

    RispondiElimina
  12. Questo ricettario sarà mio, ovviamente, prima o poi.
    Anche io ho il ricordo di un gelato sospiratissimo e appena gustato: avevo circa 10 anni ed avevo convinto mia madre a comprarmene uno. Avevo appena cominciato a mangiarlo quando, attraversando la strada, fui quasi investita da una moto. Mia madre non si fece nulla, io me la cavai con un ginocchio sbucciato. Ma piansi tutto il pomeriggio perché nell'impatto le palline di gelato erano volate per diversi metri atterrando quasi in testa a una signora che passava di lì. Non mi rimase che mangiare il cono - vuoto.
    Auguri di buon anno, Giacinta carissima!

    RispondiElimina
  13. @Amanda: proverò di sicuro. Mi fido. :)Augiri!

    @Diana.Bruna: ricambio con affetto:)

    @Ruhevoll: un noce di nome Giuliano e alto come due dei miei tre! Ha qualcosa questo nome!:)

    @Gugliemo: il tuo nome è quasi l'anagramma di Giuliano...

    Magia: con un colpo di mestolo e un pentolino, un dolce estivo si trasforma in uno invernale...

    @Barbara:
    Sono contenta che tu abbia visitato il sito della Kellermann. E'molto bello. L'editore è anche un grafico oltre che un amico dei libri.

    I tuoi auguri mi giungono particolarmente gradevoli.Mai ricevuti di così dolci e cremosi. A questo punto ricambio con gusti al pistacchio e cassata:)

    @Costantino: il gelato è una passione comune, capisco la sofferenza.:)

    RispondiElimina
  14. @Ally: che ti piaccia leggere e scrivere è noto; devo pensare che ami anche cucinare ? :)
    Ricambio gli auguri con affetto.

    @Blackswan: Magari hai un nome che inizia per G o una g nel nome ?:))

    @Grazia: Tante G, comunque. Tante G come gelato, gioia, GRAZIE :)) Ti abbraccio fortissimo anch'io.

    @Rom: grazie, carissimo, anche delle splendide foto sul tuo blog. Auguri!

    @Nick: che dolce sorpresa. Mi piace questa incursione dal tuo scriptorium affollato di personaggi. Ti abbraccio forte e ti auguro le cose più belle, carissimo amico mio.

    @Duck: I gelati, in bilico sugli stretti coni, sono sempre lì lì per cadere. Sarà questo uno dei motivi del loro fascino?

    Il quaderno è davvero bello. Con la grazia e la leggerezza che lo connotano ( sebbene sia alto quasi due metri ), Giuliano ti porta a scoprire tutti i segreti dei dolci al cucchiaio.
    Ricambio gli auguri con tanto affetto:)

    RispondiElimina
  15. I miei auguri Giacy.nta Buon Anno

    RispondiElimina
  16. Ti lascio qui i miei auguri. Buon Anno nuovo. Io contenta che sarà ancora in compagnia dei tuoi post :-)

    RispondiElimina
  17. ti auguro un anno di pace e pieno di gradevoli emozioni

    RispondiElimina
  18. Ciao Giacynta, buon 2012!!!

    RispondiElimina
  19. Cara Giacynta, passo ad augurarti un 2012 sereno, ricco di tenerezza e intriso di poesia. Un abbraccio. Carmen

    RispondiElimina
  20. No, onestamente in cucina sono scarso ...
    Ancora auguri, dal tuo primo uomo sul blog nel 2012 ;)

    RispondiElimina
  21. Bon appétit..après les fêtes, garder un peu d' envie, de plaisir.. Tchin-tchin!

    RispondiElimina
  22. Adoro la (il!) bavarese! Felice Anno Nuovo a te!

    RispondiElimina
  23. Grazie degli auguri e della vostra amicizia :)

    RispondiElimina
  24. Arrivo tardi per gli auguri del 2012? Spero di no. Ero intenta a togliere dallo stampo un semifreddo agli amaretti. Io come "bavarese" ho avuto solo la residenza, nel senso che per un po' ho abitato in Baviera (poi forse se ci restavo...) Auguri italiani!

    RispondiElimina
  25. buone le bavaresi, come i tiramisù. auguroni giacy.

    RispondiElimina
  26. @Nela: Baviera !?! Anche ? Non vedo l'ora di conoscerti ( se finalmente sarò libera di spostarmi a mio piacimento anch'io e di disporre pienamente del mio tempo ). Farlo sarà come viaggiare per l'universo mondo... Bacio e auguri cosmopoliti.

    @Harmonica: Auguroni anche a te. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  27. complimenti per la precisione del post e grazie.... Roberto (Kellermann)
    NB: ma Giuliano, alias Lhupo, lo ha visto?

    RispondiElimina
  28. Grazie a te, Roberto! Si, Giuliano l'ha visto e sembra gli sia piaciuto:).

    RispondiElimina