domenica 18 dicembre 2011

delitto inesistente e immotivato castigo

Libri nei libri


"Tutta colpa di Tondelli" e "Delitto e castigo"








" Stia tranquillo, lei è nelle migliori mani possibili".
Probabilmente aveva ragione. Probabilmente le sue mani erano davvero buone, e la colpa era tutta mia.
(...)
Tutto mi congiurava contro, a cominciare dall'indirizzo del mittente dei bustoni imbottiti di mia scrittura che spedivo ai Signori editori. E si capisce: chi mai potrebbe prendere in considerazione uno che abita in un posto di nome Gemonio, un tempo misconosciuto e poi straconosciuto come il paese del capo leghista Umberto Bossi?
E chi glielo spiega che io sogno Barcellona, Parigi, l'Australia, e che in questa enclave mi ci trattengo perchè costretto: dalla povertà, dalla voglia di fare un cazzo, dalla mia sfiga di scrittore inedito e incompreso?
Gemonio, pieno di bulli che mi terrorizzavano, pieno di suore che pregavano perchè mi facessi prete ( terrorizzandomi quindi molto di più ), l'avevo sempre vissuto come imposizione di mio padre, dal giorno in cui vi traslocammo da un posto più bello quando avevo sette anni. Il compaesano tipo era un vecchio mammalucco che passava tutti i giorni in lambretta sotto casa nostra. Non gli avevo mai parlato e non avevo idea di chi diavolo fosse, ma un pomeriggio, vedendomi lì stravaccato sul balcone che leggevo Dostoevskij, costui aveva inchiodato sull'asfalto, mi aveva fissato con disgusto, e in quel nostro dialettaccio bisunto mi aveva apostrofato: " Te ghè nagòtt de faa?", " Non hai niente da fare?", e senza aspettare risposta era ripartito.




da Tutta colpa di Tondelli di Nicola Pezzoli








Qui Tutta colpa di Tondelli di Nicola Pezzoli









Qui Delitto e Castigo ( per ascoltare l'introduzione all'opera, clicca su "I puntata" )




.

35 commenti:

  1. Nicola Pezzoli,Zio Scriba,è un grande!

    RispondiElimina
  2. Un episodio talmente emblematico dei nostri tempi da sembrare quasi inventato, e invece mi è successo davvero!
    Tu te ne stai lì a leggerti tranquillamente Delitto e castigo, e subisci il "castigo" della disapprovazione violenta di un passante sconosciuto per il "delitto" di essere sul terrazzo a leggere anziché in giro a lavorare, produrre, guadagnare...

    p.s.
    grazie e Te, e grazie anche a Costantino :)

    RispondiElimina
  3. @Costantino: ed è semplicissimo accorgesene. :-)

    @Nick: mi piace riportare passi dal tuo libro e sfogliarne le pagine. Ci sei tu, il tuo talento.

    Proprio ieri, a scuola, un ragazzo mi ha detto chiaramente e sfacciatamente che la letteratura non serve a nulla. Gli ho risposto che gli effetti della logica utilitarisica sono sotto gli occhi di tutti. Solo ignoranti o persone in malafede possono negarne l'evidenza. Se penso a tutte le conquiste sociali che stanno per essere smantellate, una ad una...

    RispondiElimina
  4. Se quello stronzetto si degnasse di venir qui a leggere, gli direi che fra le cose che (per fortuna!) non "servono a nulla" ci sono la letteratura, il cinema, la pittura, la musica, ma anche il gioco, e persino i sentimenti! Cos'è che "serve"? Serve essere bravi schiavi della produzione, della riproduzione e del consumo, serve essere conformisti e non pensanti. In definitiva SERVE ESSERE SERVI. Le mie condoglianze a questo servo del futuro. I Padroni e il Dio Denaro staranno già brindando alla stoltezza sua e dei suoi miseri consimili.
    (A meno che, avendo la fortuna di un'insegnante come te, non sia ancora in tempo a salvarsi e a svegliarsi...)

    Buonanotte carissima! :)

    RispondiElimina
  5. Episodio molto bello ed emblematico di un libro da leggere assolutamente, e ovviamente concordo con le affermazioni del suo autore qua sopra. Persone che la pensano come il tuo studente ne è piena l'Italia ... e si vede, purtroppo.

    RispondiElimina
  6. Il libro di zio Scriba! ?! lo leggo subito non appena torno.Leggere Delitto e castigo inutile? Leggere inutile? No, davvero. Cosa saremmo senza la musica, l'arte, la letteratura? Domanda retorica? No, e lo vedo dal pubblico che viene alle visite guidate nella Pinacoteca in cui lavoro, lo misuro dalla mia esperienza,lo capisco dal fatto che Guerra e Pace di Tolstoj ( non Delitto e Castigo, lo ammetto)mi ha cambiato la vita ( e non solo a me)
    Per fortuna ci sono insegnanti come te per fortuna,ci sono studenti che sanno scegliere e apprendere.L'Italia non è fatta solo di persone come il tuo studente o come glu abitanti( e non tutti) di Gemonio. Bisogna crederlo, per avere ancora fiducia nel futuro.

    RispondiElimina
  7. domanda per Zio: ma l'omarino lambrettato, invece lui, che cavolo aveva da fare?

    RispondiElimina
  8. Se soltanto la gente capisse che l'uomo è diventato tale proprio quando ha avuto cinque minuti per non fare un cazzo di utile vivremmo in un mondo meraviglioso.
    E quel passaggio del libro di Nicola è semplicemente meraviglioso.

    RispondiElimina
  9. * amanda
    "l'omarino lambrettato" è bellissimo... :)

    Per non rovinare il significato simbolico e drammatico della scena dovrei risponderti che egli andava sicuramente "a la(v)urà"... ma non è escluso che andasse a farsi un goccetto all'osteria, e che la mia "inattività" gli desse fastidio solo in quanto giovane maschio da soma che si sottrae ai doveri produttivi...

    RispondiElimina
  10. Insomma, è andata a finire che anch’io ho acquistato “Tutta colpa di Tondelli”…
    Ma che bella l’intervista che hai rilasciato alla nostra amica papera!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  11. Io invece il libro dello Zio Scriba me lo regalo per Natale :-) Mi tratto bene, io!
    Saluti affettuosi alla padrone di casa e ai suoi numerosi ospiti!

    RispondiElimina
  12. Arrivo qui da Duck, dopo aver letto la bella intervista...e ci trovo un libro da me amato e postato a suo tempo. http://simonacuneo.blogspot.com/2010/08/tutta-colpa-di-tondelli.html
    (sempre se hai voglia di leggerla...)
    Grande zio!!!
    Ciao!!!

    RispondiElimina
  13. Non riesco a fermare il tempo e la musica bellissima che accompagna questo post...
    mi ha quasi ipnotizzata...sono anche curiosa di leggere il libro d"Zio scriba"...Gemonio?...ci passavo con il treno della Ferrovie nord per andare a Laveno a trovare una dolcissima compagna di Accademia!!
    un bacio e carissimi auguri Giacynta!!

    RispondiElimina
  14. Mi piace ritrovarvi tutti qui, libridinosi impenitenti... Grazie a tutti. Benvenuta, Simona!:-)

    RispondiElimina
  15. il lambrettista sarebbe in prima fila a bruciar libri, in qualsiasi regime di qualsiasi tempo.
    oggi i roghi forse non li fanno più, ma basta e avanza la cattiva televisione.

    RispondiElimina
  16. Figlio della logica tremontiana "con la cultura non si mangia" il tuo studente che, purtroppo, non è unico nè raro...Sublime il tuo post (musica compresa), ho adorato Delitto e Castigo e, l'altro, è un libro che va a nutrire la mia wish list. Grazie per aver raccolto l'invito ad aderire alla petizione "salviamo casa Merini". In altri paesi custodiscono e valorizzano cose ben meno importanti delle nostre come reliquie, in Italia lasciamo decadere quasi tutto...Tantissimi auguri di Buone Feste cara, un forte abbraccio

    RispondiElimina
  17. Ho ben presente questa cultura lombarda. La situazione è esemplare. Nella mia esperienza c'è invece un meraviglioso viaggio in pullman verso il Trentino, leggendo Delitto e castigo. Non fui rimproverato per questo, anzi, uno dei miei compagni di viaggio si complimentò con me per la scelta. Avevo sedici anni.Che nostalgia! Ciao Giacinta.
    ps sempre straordinaria la tua musica.

    RispondiElimina
  18. * Cristina
    Le coincidenze non finiscono qui: il "posto più bello" in cui vissi i miei primi sette anni era proprio Laveno!! :)

    p.s.
    concordo con gli altri amici su questa musica: ipnotica e meravigliosa.

    RispondiElimina
  19. Che lo Zio Nick sia un valente scrittore lo so da tempo. Mi era un po' sfuggito che sognasse mete su cui talora fantastico anch'io. Il brano riportato é di un realismo impressionante. Con quella chiosa sul tristo brodo di coltura dell'ancor più tristo fenomeno leghista.

    RispondiElimina
  20. Salve, passo per fare gli auguri di un sereno Natale e un felice anno nuovo a te e i tuoi lettori, invitandovi a votare i migliori film e attori del 2011. Come blogger di cinema, ti ricordo di votare anche nella sezione apposita.

    I MIGLIORI FILM DEL 2011

    RispondiElimina
  21. tutta colpa di Tondelli se esiste unnuovo modo di scrivere

    RispondiElimina
  22. Texte sympatique que je découvre grâce à vous. Merci.
    Grazie.

    RispondiElimina
  23. Mi devo proprio procurare il libro dello zietto...
    ------
    Buon Natale Giacy!!!

    RispondiElimina
  24. Grazie e tanti auguri a tutti! Auguri di imbattervi il meno possibile in lambrettisti perdi giorno e benzina e il più che si può in libri che rianimano mente e cuore :-)

    RispondiElimina
  25. Auguri di buone feste anche a te-
    un bacio
    cri

    RispondiElimina
  26. In effetti in quell'ambientino così bene descritto leggere dostoevskij non era il massimo e quel tipo aveva ragione a dirgli "te ghé nagot de fa" ...
    Ciao e buone cose -:)

    RispondiElimina
  27. Je passe pour vous dire un grand merci d' être venue me voir jusque près dans le Quercy..et puis je continue à écouter cette sublime musique ici, j' insiste sans mal, à demeurer dans la mélancolie de la mélodie!
    J' écris avec un pinceau de feu quelques lettres en forme de vœux.

    RispondiElimina
  28. I miei auguri Guacy.nta. Auguri Buon Natale e felice Anno Nuovo 2012
    Maurizio

    RispondiElimina
  29. approfitto per darti gli auguri per un Buon Natale e buon 2012 (e non sarà l'anno della fine del mondo)

    RispondiElimina
  30. Passo di qui per porgerti i miei migliori auguri di buone feste.
    Con un abbraccio,
    Pim

    RispondiElimina
  31. Ciao...sono passato per lasciarti un caloroso augurio di buon Natale!!!

    RispondiElimina
  32. uh, zio Nick!!! E' un piacere trovarlo anche qui ^.^ Ciao Giacy, tanti cari auguri di un Sereno Natale. Per Capodanno torno!!!

    RispondiElimina
  33. Un bell'esempio di come si vede la pagliuzza inesistente negli occhi degli altri ma si ignora la trave nei propri!
    Buon Natale e felice anno nuovo Giacynta a te e famiglia e a Nicola Pezzoli!

    RispondiElimina
  34. Un grazie di cuore e l'augurio di una serena giornata a tutti voi. :-)

    RispondiElimina