venerdì 21 ottobre 2011

Sfere di fuoco





Nei mesi oscuri la mia vita scintillava
solo quando ti amavo.
Come la lucciola si accende e si spegne, si accende e si spegne,
-dai bagliori si può seguire il suo cammino
nel buio della notte tra gli ulivi.



Nei mesi oscuri l'anima stava rannicchiata
e senza vita
ma il corpo veniva dritto verso di  te.
Il cielo notturno mugghiava.
Furtivi mungevamo il cosmo e siamo sopravvissuti.





da Tomas  TranströmerPoesia dal silenzio ed. Crocetti




19 commenti:

  1. Non lo conosco, ma lo capisco ...

    RispondiElimina
  2. Non lo conoscevo. Cercherò di conoscerlo.Grazie

    RispondiElimina
  3. Poche cose sono in grado di Riscattare l'uomo di oggi dall'accusa di non essere altro che una Merda Kompetitiva e Senza Cuore... Una di queste si chiama Poesia. Un Nobel giusto nel momento giusto.

    RispondiElimina
  4. un Nobel che non sembra venuto dal freddo

    RispondiElimina
  5. Mi sa che 'sta anima è proprio nascosta in luoghi (quasi) inaccessibili -:)))

    RispondiElimina
  6. Prima del Nobel non lo conoscevo, ma devo ammettere che é poeta vero e sincero.

    RispondiElimina
  7. Mi ha toccata tanto questa poesia!

    RispondiElimina
  8. @Ally: anch'io. E' difficile parlare d'amore, forse perchè condizione ambivalente, doppia, in senso stretto ( scuro -luce; anima-corpo; urlo - silenzio... ). La poesia rende bene proprio questo:)

    @ruhevoll: trovo molto bella l'immagine finale e non solo quella, naturalmente.:)

    @Iulia: Bentornata!:)

    @Grazia: anch'io non ne avevo mai sentito parlare. Ho letto qualcosa solo in questi giorni. Grazie a te, cara :-)

    @Nick: condivido. Per questo mi piace molto l'ultimo verso. Un bacio.

    @Amanda: un'oscurità luminosa... :)

    @Guglielmo: è pur sempre un'anima, anche se nascosta... :-))
    p.s.
    voglia di sentimenti schietti o cosa?

    @Adriano, Carolina: contenta di aver scelto una poesia di vostro gradimento.:-)
    p.s.
    benvenuta nella fabbrica di cioccolato, Carolina!

    RispondiElimina
  9. Bella l'immagine della lucciola nella notte fra gli ulivi. Rara oggi e dunque parallelismo e allegoria preziosi. Bye&besos

    RispondiElimina
  10. Nemmeno io lo conoscevo...ma mica c'è da stupirsi, sono parecchio "gnuranta".

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo il tuo blog ma ora che l'ho scoperto,mi iscrivo volentieri..e' carinissimo e molto utile!Se vuoi dare un'occhiata al mio spazio,le porte sono aperte: qui!

    RispondiElimina
  12. @PolvereDiStelle: sono appena stata da te! Un caro saluto e a presto, spero.

    RispondiElimina
  13. vorrei commentare, stavolta come tante altre. poi mi chiedo cosa caspita avrei da aggiungere io a quello che è già detto, e lascio perdere. ma ti leggo sempre

    RispondiElimina
  14. @Dede: capita anche a me di non aver niente da aggiungere e di scervellarmi per farmi venire un'idea, non preoccuparti. Ricevere i commenti dà forza, è bello ma finisce per generare una sorta di sistema "perverso"... :-))

    RispondiElimina
  15. versi bellissimi
    a ripeterli a voce alta fanno un effetto amplificante.
    ciao
    cri

    RispondiElimina
  16. @Cris: hai ragione! Bacioni

    RispondiElimina