venerdì 18 giugno 2010

Josè Saramago



Perchè siamo diventati ciechi, Non lo so, forse un giorno si arriverà a conoscerne la ragione, Vuoi che ti dica cosa penso, Parla, Secondo me non siamo diventati ciechi, secondo me lo siamo, Ciechi che vedono, Ciechi che, pur vedendo non vedono.

Josè Saramago, Cecità


http://www.scrittoriperunanno.rai.it/video.asp?currentId=535



Mi ha fatto amare ciò che scriveva. Mi ha fatto sentire una sua compagna di viaggio. Mi lascia tutto il suo mondo a portata di mano, o, meglio, di occhi.


18 commenti:

  1. Desidero non vedere cio che non voglio vedere se vedere lo devo davvero.

    RispondiElimina
  2. saramago.....
    colui che più mi ha terrorizzato e, nello stesso tempo, affascinato...
    vedere, comunque, è un dono che pochi hanno...
    pina

    RispondiElimina
  3. Vedere non si limita solo a vedere con gli occhi..Un saluto e buon w.e.

    RispondiElimina
  4. vedere è anche sentire..
    pina

    RispondiElimina
  5. @ Maurizio, penso di capire. La tua riflessione mi porta verso una direzione diversa da quella del passo di Saramago, altrettanto interessante da percorrere. Grazie!

    @ Pina, penso che l'inquietudine possa essere considerata variamente, a seconda della volontà di sostenerla e non rifiutarla, avvertendola come parte integrante di sè.
    Certo, una condizione permanente di irrequietezza può impedirti di "vedere" e di "sentire" chi ti sta vicino ed in questo senso può far paura.
    Un bacio

    @ Dual, certo, la sensibilità si esprime in tanti modi diversi, tutti sorprendenti!
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  6. Un bellissimo omaggio al grande saramago 1 Grazie per questo post !

    Cri

    RispondiElimina
  7. Condivido il tuo omaggio, anzi partecipo con dolore alla perdita per noi tutti di uno scrittore tra i più grandi.

    RispondiElimina
  8. @ Ciao Cristina, è sempre bello sapere che sei passata di qui. Buona serata!

    @ Lietta, sei molto cara. Benvenuta nel blog.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  9. Ho visto cio' che vedo.. e vedo cio' che ho visto.
    Gio'
    Buona Domenica :)

    RispondiElimina
  10. Mai stancarsi di vedere, dice Josè Saramago:

    "Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, la pietra che ha cambiato posto."

    Occorre impegno per leggerlo, ma poi non ti delude, così è per me.

    "Un uomo ha bisogno di fare la sua provvista di sogni."

    RispondiElimina
  11. Francesco che sincronia ! Mentre tu eri qui, io ero sul tuo blog! Mi piace!

    Hai scelto delle frasi di Josè che avevo apprezzato più ancora di altre. Grazie.

    RispondiElimina
  12. La musica che hai nel blog mette pace e serenità.
    Quasi la porto da me!
    Felice domenica,
    Ele

    RispondiElimina
  13. Il "populista estremistico" e "banalizzatore del sacro" mi mancherà moltissimo, mi astengo dal commentare le uscite del Vaticano, ci sarebbe molto da dire... Saramago aveva una scrittura particolare ed in virtù di questa o piaceva moltissimo o non piaceva, non conosceva mezze misure. Ho adorato Cecità, così come Storia dell'assedio di Lisbona, Il Vangelo secondo Gesù, l'uomo duplicato, viaggio in Portogallo. Una delle sue frasi memorabili "sono ancora comunista perchè non ho trovato di meglio..." Buona settimana Giacynta. Carmen

    RispondiElimina
  14. @ Grazie Elena, sei davvero gentile! A presto!

    @ Carmen, ho subito compreso che ci saremmo trovate in sintonia su molte cose...
    Bellissimo il tuo commento.
    Buona settimana anche a te! Bacio.

    RispondiElimina
  15. le porte solstiziali nei versi di omero:
    Due sono le porte,
    l’una che scende verso Borea è per gli uomini,
    l’altra verso Noto ha (un carattere) più divino;
    per di là non entrano gli uomini, ché è la via degli immortali.
    oggi è un momento particolarmente magico perchè il sole cambia direzione:è il sostizio d'estate
    pina

    RispondiElimina
  16. "Non ha trovato risposta, le risposte non vengono ogniqualvolta sono necessarie, come del resto succede spesse volte che il rimanere semplicemente ad aspettarle sia l’unica risposta possibile"
    José Saramago

    RispondiElimina
  17. @ Ciao Antonio, grazie per il tuo commento.

    @ Novalis, è molto bella la riflessione di Josè che hai riportato. Grazie.

    RispondiElimina