giovedì 2 febbraio 2012

Giovanni Sollima

.
Clicca qui
Giovanni Sollima, Hell I
Qui un'intervista

21 commenti:

  1. Non lo conoscevo e, da appassionata di musica, vado subito ad approfondire. Grazie cara! Un bacio.

    RispondiElimina
  2. E' molto bravo!!! Anche il suo babbino lo era e gli ha trasmesso molto.

    RispondiElimina
  3. Per me Sollima è essenzialmente questo
    http://www.youtube.com/watch?v=-v1IMrHjNIE

    l'emozione che mi hanno dato i canti rocciosi che ho conosciuto al MART durante la mostra sulla montagna è stata unica, al termine della mostra si poteva richiedere il cd che veniva spedito a casa è un'opera bellissima, in particolare c'è un riarrangiamento del Monte Canino che mi strugge ogni volta che lo sento e che ho inserito anche in légami http://tiffanyestate.blogspot.com/2011/07/legami.html

    RispondiElimina
  4. Il tuo abituale scrigno di cose preziose, di perle pronte a formare mille diverse collane. Non solo ho conosciuto e apprezzato Giovanni, ma, sbirciando fra i link "correlati" di youtube, mi sono imbattuto in un'altra chicca: un'intervista di Battiato a Raimon Panikkar! :)
    Baci8

    RispondiElimina
  5. Eh si si Giacynta, Sollima è davvero un grande -:)))
    Questo pezzo poi è a dir poco struggente -:)

    RispondiElimina
  6. @Carmen, ruhevoll, Guglielmo: a Vittorio Veneto, c'è ,ogni anno, una rassegna nazionali d'archi. Lo scorso anno mi capitò di ascoltare un brano di Sollima, interpretato da un violoncellista. Folgorazione!

    @Amanda: grazie. Lo sto ascoltando mentre ti scrivo! :)

    @Nick: che bella l'intervista a Panikkar! La "tempiternità", "l'unicità", due concetti semplici e necessari che danno pienezza ad ogni attimo. Grazie per avermela fatta notare! E poi come è rassicurante sapere che ci sono volti ed espressioni che rasserenano anche senza proferire verbo. Baci8

    RispondiElimina
  7. Quanto è emozionante l'intensità di questa musica da camera che si fa respiro dell'universo !

    RispondiElimina
  8. Un post come questo tuo mi conferma che sei stata e rimani mia fonte di ispirazione per continuare a fare blog! Bacioni!

    RispondiElimina
  9. Seguo Sollima da tempo e piace molto anche a me (anche se a volte lo trovo un po' stucchevole).

    (Sollima, Hauser e Šulić, ma conosci il duo Tara Fulki?)

    RispondiElimina
  10. Giovanni Sollima vive nella mia stessa citta, a Palermo, e quindi ho avuto modo di ascoltarlo spesso dal vivo. L'ho conosciuto, qualche anno fa, in un concerto, solo per pochi intimi, nella chiesa madre di Bolognetta, un paese vicino Palermo. Ci ha spiegato attraverso la musica e le parole il suo lungo percorso artistico, ci ha guidato dentro la sua musica, ci ha permesso di conoscerne l'essenza e la bellezza, al di là di ogni atteggiamento stucchevole e sdolcinato. L'ho rivisto e riascoltrato altrove, ma non ho provato mai più quelle stesse emozioni.

    RispondiElimina
  11. @Blackswan: si, in particolare Hell I ha proprio la profondità e l'intensità del respiro più ampio. :)

    @Adriano: contenta che tu l'abbia apprezzato:)

    @Aitan: anche a me alcuni brani piacciono di più ed altri meno ma devo dirti che, imbattendomi in "Alone" o in Hell I, ebbi la sensazione netta di ascoltare qualcosa che da sempre avrei voluto sentire.
    Grazie per avermi fatto conoscere il duo. Sto ascoltando qualcosa mentre ti scrivo. E'un suono "impressionista", proiettato verso la descrizione, ed insieme intimo, segreto. Mi piace molto.:)

    @Horror vacui: Forse avrebbe fatto meglio a non chiarire, a non spiegare. Gran parte della forza delle note deriva dal fatto di avere una grammatica diversa da quella delle parole.:)

    RispondiElimina
  12. E perchè non avrebbe dovuto spiegare, raccontarsi? La musica, le parole, l'arte spesso non hanno una grammatica. La magia di quell'incontro era dovuto al luogo, al contesto, al numero ridotto dei partecipanti. Quelle casualità che rendono un evento straodinario.

    RispondiElimina
  13. Mi chiedevo ragione del perchè non hai più provato l'iniziale emozione. Avanzavo un'ipotesi.:)

    RispondiElimina
  14. A volte le leggi del mercato discografico sono spietate. A volte bisogna scendere a compromessi. Comunque per me Giovanni Sollima rimane sempre un grande musicista.

    RispondiElimina
  15. Non conoscevo neppure io,grazie per l'indicazione.Molto interessante.

    RispondiElimina
  16. @Horror vacui: piace molto anche a me.:)

    @Costantino: ciao! Grazie a te.:)

    RispondiElimina
  17. Adoro il violoncello... sono chitarrista, ma per vicende personali ho messo le mani su quello strumento per alcuni mesi...
    Mi piace il suono caldo e avvolgente, mi piace il modo in cui si suona, quasi abbracciando lo strumento, e trovo che ci si una letteratura stupenda per questo strumento...

    un saluto (latitavo da un po' questi lidi, mannaggia a me!)
    ;)

    RispondiElimina
  18. @Grazie, Clode. Aspetto lumi per la letteratura a riguardo:)

    RispondiElimina
  19. Ah, ma io parlo di letteratura musicale in questo caso, e non so se sono abbastanza brava da commentare così da vicino uno strumento che ho conosciuto troppo di sfuggita!
    ;)

    RispondiElimina
  20. Giacynta: stessa cosa accadde a me con Trovesi (grande sia al clarinetto al sax)e Marco Rapetti (pianista) visti dal vivo e...folgorata!

    RispondiElimina
  21. @Clode: ;)

    @Carmen: li ascolterò:)

    Baci

    RispondiElimina