lunedì 11 ottobre 2010

Philippe Petit, lo scrittore del cielo





                                                                         Philippe Petit



L'arte di colmare e illuminare il Vuoto, un vuoto tra due torri, due orli di precipizio, due pianeti, o lo spazio tra il cuore e lo spirito. (... )






















Ti rendo omaggio, Philippe, Uomo fragile del Filo, Imperatore dell'aria. Come Fitzcarraldo, sei tanto raro e prodigioso che più non si potrebbe: un Conquistador dell'Inutile.
E m'inchino con rispetto profondo.

                                                                                                       Werner Herzog



9 commenti:

  1. Forse il suo filo (pessimisticamente) era appeso tra due nulla, ma mi piace pensare (positivamente) che quella sua sottile fune che gli fa da strada parta e raggiunga qualcosa...

    RispondiElimina
  2. Il temerario tra le nuvole. Ci sono voluti sei anni per orchestrare il suo atto di equilibrio su un cavo sospeso tra le torri gemelle. Egli possiede una concentrazione d'acciaio e una credenza in strutture che gli permettono di volare: il rapporto d'amore con il filo sotto di lui, i dialoghi muti con i venti, posti unici come Notre-Dame, o la Tour Eiffel o l' Harbour Bridge.
    Quella puntata l'ho vista. Grazie per averla riproposta.
    Alby

    RispondiElimina
  3. angelo senza ali...
    trasformare grattacieli in nuvole.
    la terra in sfide celestiali.
    ciao
    un abbraccio
    cri

    RispondiElimina
  4. Difficile, sai, aggiungere qualcosa a quello che emerse durante la trasmissione di Fazio. Un salutone!

    RispondiElimina
  5. Guglielmo: Philippe dice che il vuoto, in realtà è pieno, ed io tendo a dargli credito! Da quello che hai scritto, penso che anche tu sia dello stesso avviso. Grazie per esserti fermato un pò qui.

    Alby: Quindi non sono la sola a subire il fascino del "piccolo" Philippe ed a seguirlo nelle sue imprese "inutili"!
    Un caro saluto

    Cristina: Sono sempre stata attratta da chi persegue un obiettivo "elevato", nel senso letterale, ovvero... celeste!
    Bacio grande

    Adriano: non preoccuparti, la tua presenza qui per me equivale ad un lungo commento.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Più che temerario, termine che Philippe non ama molto, ama definirsi determinato e coraggioso. Di sicuro è un uomo straordinario, tenace e con una immensa forza.

    "i limiti esistono solo nell'anima di chi è a corto di sogni..."

    RispondiElimina
  7. Carissima,non ho letto il trattato di funambolismo, lo farò, se ci sono frasi belle come quella che hai riportato. Un Abbraccio!

    RispondiElimina