giovedì 20 maggio 2010

su




-" Viviamo in un simile splendore e non lo vediamo! ( ... )
-  Perchè smettiamo di vedere le cose crescendo?
-  Esattamente perchè cresciamo. Impariamo le dure leggi della sopravvivenza che ci costringono a concentrarci su quello che è utile. I nostri occhi disimparano la bellezza"


Amelie Nothomb, Il viaggio d'inverno











13 commenti:

  1. Sono passata per salutarti e ringraziarti della tua visita.

    Ciao
    Cri

    RispondiElimina
  2. Ciao Cri, grazie! A presto.
    Giacinta

    RispondiElimina
  3. Forse cara Giacynta più che disimparare la bellezza, i nostri occhi imparano a selezionarla... Ed è questo, che crescendo ci allontana dalla visione profondamente semplice del bello.
    Oppure è soltanto la nostra natura di insaziabili cercatori di conoscenze nuove, che continuamente ci fà mutare la definizione del concetto di bellezza...
    Si torna a vedere con occhi innocenti, e a gustare lo splendore di ciò che ci circonda, solo dopo che la vita fà vivere e provare, la durezza e la crudezza che non ti aspetti.
    Ed è un pò come un amore creduto perduto e ritrovato: Emozionante, perchè torni a vedere!
    Grazie della visita, e dello spunto di riflessione che mi hai offerto, a presto.

    RispondiElimina
  4. Grazie per la tua bella riflessione, mi ha indotto ad interrogarmi sul significato stesso di bellezza. Io associo la bellezza ad una emozione segreta, profonda.
    Pensa che l'autrice della frase che ho riportato non brilla certo per sentimentalismo; i suoi romanzi sono intrisi di un sottile cinismo, che, chissà, forse non mi è del tutto estraneo, visto che della Nothomb ho letto tutto ciò che è stato pubblicato. Anche l'espressione che ho riportato è stata usata da Amelie in modo beffardo, ma io l'ho utilizzata nel modo in cui inizialmente l'avevo recepita. Mi riportava proprio all'innocenza di cui anche tu hai parlato. Forse la bellezza è semplicemente ciò che ti sorprende.
    Ciao, A presto!

    RispondiElimina
  5. "Che cosa sono le nuvole... straziante, meravigliosa bellezza del creato..."

    (Da "Che cosa sono le nuvole" di PPP)

    RispondiElimina
  6. ...E noi un sogno, dentro un sogno "

    Ciao Pym, grazie per avermi ricordato quel bellissimo cortometraggio di PPP. A presto

    RispondiElimina
  7. Ciao Antonio! Sono sempre contenta quando passi di qui! Ho letto la tua ultima fatica... Come al solito, mi hai incantato. Ciao, a presto.

    RispondiElimina
  8. La bellezza per me è quella cosa che ci sorprende ed è capace di darci un immediato godimento interiore, un piacere quasi incontenibile. Mi sorprende questa Nothomb della quale ho letto "acido solforico", godibile, grottesco, graffiante ma, come tu stessa dici, tutt'altro che sentimentalista.

    RispondiElimina
  9. Leggi " Mercurio ", è il più bello.
    Quanto alla citazione, come ho chiarito nella risposta al commento di Monteamaro, l'ho riportata fedelmente ma stralciandola da un contesto molto poco sentimentale, molto nothombiano. Restituita alla sua dimensione, la frase assume un significato diverso da quello che io le ho voluto dare. E' tratta da "Il viaggio d'inverno", il romanzo è appena stato pubblicato.

    RispondiElimina
  10. Inserito nella mia "wish list", grazie!
    Riguardo alla citazione, lo avevo immaginato tanto mi sembrava lontana dal mondo "nothombiano".

    RispondiElimina
  11. ...vorrei trovarmi a sognare tra le nuvole per essere felice di volare...

    ...

    Complimenti per le fotografie.
    Maurizio

    RispondiElimina
  12. Maurizio, grazie per il tuo appoggio, sei gentilissimo! A presto.

    P.S.

    I voli tra le nuvole devono assomigliare molto a quelli della mente, quindi forse già facciamo qualcosa del genere.

    RispondiElimina