venerdì 9 marzo 2012

Ólafur Arnalds e Nils Frahm

.




 Nils Frahm

17 commenti:

  1. finalmente riesco a commentare le tue proposte musicali sempre interessanti e imprevedibili, grazie

    RispondiElimina
  2. Ma come le scovi queste perle?
    Buon fine settimana! :)

    RispondiElimina
  3. Fantastica, non la conoscevo, Grazie! Buon weekend cara:-)

    RispondiElimina
  4. Vedo (anzi ascolto) che ti piacciono le "atmosfere". Sono affascinanti. Ho scorso anche la tua playlist, sei una raffinata!
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  5. Tutto nuovo per me, ragazza dai gusti raffinati!

    RispondiElimina
  6. Sai, Giacinta, che molte delle musiche che tu pubblichi non le conoscevo. Ogni volta è una scoperta. E che scoperta ! La "tua" musica mi emoziona, mi fa compagnia e mi fa pure sognare. E di sogni ce n'è davvero bisogno.
    Un musicale abbraccio

    RispondiElimina
  7. Olfaur Arnalds me l'hai fatto scoprire tu tempo fa - e che bella scoperta.
    E poi io l'ho fatto scoprire a mia sorella Sabina, che ti ringrazia.
    Mi piacciono queste catene virtuose.
    Un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
  8. Anche per me è una scoperta ogni tuo post, magico e paritcolare!
    un bacione!
    Cristina

    RispondiElimina
  9. Ho scoperto Ólafur Arnalds lo scorso anno, tornando verso casa in macchina dopo la spesa settimanale. Una trasmissione pomeridiana di radiotre trasmetteva un suo brano, così ho cercato di imprimere nella mente meglio che potevo il nome dell'artista islandese e, una volta a casa, ho naturalmente acceso il computer per cercare qualcosa di suo. Il percorso tra la Coop e casa mia è sempre prodigo di sorprese. Non ricordo come mi sono imbattuta in Nils Frahm, probabilmente per caso, cercando un artista con caratteristiche simili.
    Mi piace molto la musica detta minimalista, non è invadente, anzi dà a chi l'ascolta tutto l'agio di riempire con il pensiero gli intervalli, gli spazi vuoti. La trovo anch'io molto raffinata, elegante, come tutte le cose essenziali, pulite, semplici.
    Bacionissimi cari amici. Leggere i vostri commenti è sempre un'emozione. :))

    RispondiElimina
  10. Si questa musica non è male-:))))

    RispondiElimina
  11. @Guglielmo: contenta che ti piaccia! :))

    RispondiElimina
  12. Connubio tedesco-islandese?! Con un'atmosfera così suggestiva mi vengono in mente i silenzi della piccola isola papera...
    Bye&besos islandesi...

    RispondiElimina
  13. diabolica gemellina, ho cercato il segreto della piccola isola papera, ma ... Ho provato a tradurre l'espressione in tutte le lingue senza cavarci niente!:)

    RispondiElimina
  14. Musica raffinatissima, ottima scelta. Ricorda il Mike Oldfield delle origini.

    RispondiElimina
  15. @Pim: hai citato un musicista che anch'io apprezzo molto. Ho ascoltato Tabular bells tante volte.

    @La Dona: :)) Ciao!

    RispondiElimina