mercoledì 9 novembre 2011

un saucisson en brioche a Lione







Fondata dai Romani ( 43 a. C. ), Lione fu, alla fine del  Quattrocento, un importante centro editoriale, mentre nel Settecento divenne universalmente nota per la produzione di tessuti.





 I traboules, una rete di passaggi coperti, nel vecchio quartiere artigiano della Croix Rousse, vennero creati per consentire il trasporto della seta e dei tessuti pregiati anche in caso di pioggia e neve





Il centro di Lione coincide con una parte della Presqu'île, una penisola delimitata dal Rodano e dalla Saona. E' chiuso a sud da place Bellecour e a nord da place des Terreaux. 






Salendo per le stradine a nord della piazza, si raggiunge la Croix Rousse, mentre per visitare i resti della città romana e la basilica di Notre Dame bisogna attraversare uno dei ponti sulla Saona e raggiungere la sommità della collina di Fourvière attraverso uno dei  sentieri o una delle ripide scalinate. Chi non ama conquistare le altezze, può pagare il prezzo del biglietto e prendere la funivia.












Fuori dal centro, alla punta della Presqu'île, si trova l'Istituto Lumiere. ( clicca qui ) E' una visita che consiglio caldamente agli amanti del cinema.
I fratelli Lumière sono vissuti a Lione e sempre in questa città sono nati  Antoine de Saint-Exupery ( a lui è intitolato l'aeroporto lionese ) ed il fisico Ampère. Gente "illuminata". Forse per questo Lione, la Ville lumière,  si accende di luce l'8 dicembre. ( clicca qui  e qui)







Nella dolce Lione è nato anche il cuoco più famoso di Francia,  Paul Bocuse.








Ci sono cinque brasserie Bocuse a Lione. Quattro di queste prendono il nome dei punti cardinali. Io ho "visitato" Le Nord e Le Sud e ne sono uscita completamente soddisfatta e , naturalmente, con un libro in mano, quello delle ricette di Bocuse.




Riporto quella che ho realizzato una volta tornata a casa, ispirandomi alla ricetta originale e all'assaggio fatto nella Brasserie Le Nord:


Saucisson chaud pistachè en brioche




Ingredienti:
1 salsiccia ai pistacchi ( io ho usato due mini mortadelle )
300gr. di farina,
30gr. di zucchero
un pizzico di sale
2/3 del contenuto in bustina del lievito per preparazioni salate
4 uova 
120gr di burro a temperatura ambiente
2 rossi d'uovo per la doratura




Miscelare a bassa velocità con le fruste pesanti la farina, lo zucchero, il lievito diluito in un cucchiaio d'acqua tiepida, due uova e il sale. Aggiungere una alla volta le rimanenti uova.fino ad ottenere un impasto omogeneo. Aggiungere il burro e, se necessario, altra farina e continuare a mescolare finchè l'impasto non si stacchi dalle pareti della ciotola. Ricoprire con uno strofinaccio e lasciar riposare in frigo tutta la notte. ( N. B. la ciotola deve essere molto capiente per evitare l' "effetto blob" durante la lievitazione. )


Stendere l'impasto lievitato. Spennellare la superficie con i tuorli battuti  con un po' d'acqua e adagiarvi le mortadelline anch'esse spennellate con il tuorlo e spolverate di farina ;  richiudere, livellare e rifinire con il rosso battuto.  Lasciare riposare per un'ora a temperatura ambiente. Dopo aver preriscaldato il forno, far cuocere il saucisson  en brioche a 180° per 30/40 minuti.













Qui altri link utili



Brasserìe Bocuse

Info Lyon






25 commenti:

  1. Non so se mi hai fatto venire più voglia di visitare Lione per la sua bellezza o per le brasserie...
    :-)

    RispondiElimina
  2. Le tue cartoline di viaggio, deliziose, non ci fanno mancare nulla, nemmeno la leccornia finale....
    :-)

    RispondiElimina
  3. Non so se mi hai fatto venire più fame o più voglia di un giretto a Lione... :)
    Baci8

    RispondiElimina
  4. Tutt'e due, zio Scriba, tutt'e due.
    Ha ragione Maxdreamer: in ogni senso, Giacinta, sei una delizia !

    RispondiElimina
  5. Toh, m'è sparito il commento. Comunque suonava più o meno come quello di Zio Scriba.
    Abbracci in quantità

    RispondiElimina
  6. Puoi ben immaginare che un post come questo io semplicemente ... l'adoro, no? Bacioni ...

    RispondiElimina
  7. un post completo: un'infornata (è il caso di dirlo) di info utili, storia, foto e pure un saucisson. E io oggi non pranzo, grazie a un progettino da finire. P.S. sento le mortadelline che mi chiamano...sarà la fame? Glielo spieghi tu alla Fiesta che ho in borsa che non riuscirà a togliermi il languorino???

    RispondiElimina
  8. Proprio ieri sera si parlava di andare a Lione per la festa della Luce!

    RispondiElimina
  9. che bellissime sensazioni mi hai trasmesso con questo post e....la voglia di fare un giro a Lione!
    Mi fai venire in mente in quanti posti non sono ancora stata in questa vita...vorrei viaggiare ancora, ancora e ancora...

    RispondiElimina
  10. Ci sono stata qualche anno fa. Mi aspettavo un posto anonimo, fortemente urbanizzato ( non so perchè ) e ho trovato una città con traffico quasi inesistente, belle passeggiate da fare sul lungofiume, centro storico articolato in più zone, due in piano e due in collina, tante bellissime librerie, e le meravigliose Brasserie Bocuse a prezzi accessibili e pietanze e servizio indimenticabili. Ho un debole per Francia, sono di parte, ma Lione è davvero una meta a cui non rinunciare.:-)
    Grazie a tutti!

    RispondiElimina
  11. Quella ricetta temo abbia un gusto agro-dolce che non mi attira. Sono un po' tradizionalista in cucina e il dolce lo tengo separato (quasi sempre) dall'agro...

    RispondiElimina
  12. Oddio Giacy.nta traffico quasi inesistente...dipende! Comunque a parte tutto, sei una fatina! Riesci a far divenire bella anche questa città. Bocuse a parte, che tatuarsi il gallo vuol proprio dire esser sciovinisti fino alle...pardon fino ai bicipiti! Bye&besos

    RispondiElimina
  13. @Guglielmo: ti assicuro che lo zucchero proprio non si sente. Anche a me non piace molto l'agrodolce.:-) E' un antipasto gustoso. Se ti piace ( come ti piace ) fare alchimie anche in cucina, prova...

    @Giardy: :-))

    @Nela: per il numero di abitanti che ha, trovo che sia sorprendentemente tranquilla. Certo, sono stata prevalentemente nel centro turistico; probabilmente in altre zone l'atmosfera è diversa, anche se per raggiungere lo stadio e il museo Lumiere ho attraversato parte della città... Grazie per la fatina, ma ultimamente trovo che la mia bacchetta sia un po' spuntata... :-) Bacione.

    RispondiElimina
  14. Come sai anche io ho un debole per la Francia quindi questo post è un regalo per me;-) A Lione sono stata moltissimi anni fa, avevo i figli piccoli e, fra le altre cose, li portammo a visitare anche il Parco della Tete d'Or. Mangiammo benissimo, spendendo poco, in diversi "bouchons lyonnais". Mi piacerebbe tornarci per la Festa delle Luci. Chiudo consigliando a chi andasse a Lione di dedicare una visita a Villefranche sur Saone se non altro per vedere la splendida Chiesa collegiata di Notre-Dame-des-Marais dalla facciata in stile gotico. Bacione.

    RispondiElimina
  15. @Carmen: grazie per i suggerimenti. Devo dirti che ho pensato un po' a te mentre confezionavo il post. :-)

    RispondiElimina
  16. Che bello tornarci! Sei maestra in questi "viaggi" per immagini e parole.

    RispondiElimina
  17. Capita a proposito questo tuo post.
    A dicembre vado a Lione per la festa delle luci,e adesso ho una idea precisa su cosa andare a vedere.
    Grazie,buona domenica.

    RispondiElimina
  18. E mi si allunga la lista dei posti da vedere.

    RispondiElimina
  19. @Costantino: Le brasserie Bocuse, mi raccomando! Le Sud è praticamente in place Bellecour e Le Nord la trovi risalendo verso poco place des Terraux, in una laterale ( sinistra ) della strada principale. Ordina, ti prego, il saucisson en brioche...vedrai!

    @Lovi: merita, merita, sebbene Nela non ne sia entusiasta. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. Lione: il mio secondo "viaggio di nozze": ero sposata da un mese, mio marito era dovuto andare in questa bella città per lavoro, io l'ho raggiunto e... mentre lui lavorava io gironzolavo in collina, lungo i due fiumi, nei vicoli profumati, nei grandi ipermercati che offrivano cuscini, tovagliette, bamboline... tanto dolcemente francesi... Son passati tanti anni, mi sa che è ora di tornarci :)

    RispondiElimina
  21. @Alicemate: c'è anche un bellissimo mercato coperto dove si serve anche Bocuse... :-)

    RispondiElimina
  22. Quando e e se partirò, sicuramente il tuo post lo studierò per bene e Bocuse e il suo mercato non li dimenticherò!!! ;)

    RispondiElimina