mercoledì 1 dicembre 2010

da " Le braci " di Sándor Márai

.


Una sera d'estate, mentre Konrad e la madre di Henrik stavano suonando un pezzo per  pianoforte a quattro mani, accadde qualcosa. In attesa della cena, l' ufficiale della guardia e suo figlio, seduti in un angolo del salone, ascoltavano educatamente la musica, con la condiscendenza compunta e la remissività di chi dice: "La vita è tutta un dovere, bisogna sopportare anche la musica. (...)"

La contessa suonava con trasporto, eseguivano la Fantaisie polonaise di Chopin.
Nella stanza tutto sembrava vibrare. Mentre aspettavano, educati e pazienti, nelle loro poltrone in un angolo del salone, padre e figlio si resero conto che in quei due corpi stava avvenendo qualcosa di strano. Dalla musica sembrava sprigionarsi una forza eversiva capace di sollevare i mobili e di gonfiare i pesanti tendaggi di seta alle finestre. Era come se tutte le cose vecchie e ammuffite, sepolte da tempo nei cuori umani, ricominciassero a vivere, come se nel cuore di ogni essere si annidasse un ritmo mortale che, a un certo punto della vita, potrebbe mettersi a pulsare con implacabile violenza. Gli ascoltatori pazienti compresero che la musica rappresentava un pericolo. (...)





                                                            
( Henrik ) ...fissa il fuoco. " Eravamo fatti così " dice con semplicità. " Pian piano arrivai a rendermi conto di ciò che era accaduto. Per prima cosa c'era stata la musica. Nella vita di alcune persone esistono certi fattori ricorrenti e fatali. Fra te Krisztina e mia madre la musica è stata una sorta di tessuto connettivo. Essa vi comunicava qualcosa che non è possibile esprimere con le parole o con gli atti. Probabilmente vi permetteva anche di comprendervi, mentre mio padre ed io , che eravamo diversi da voi, e quindi esclusi da quei discorsi, restammo isolati fra di voi. ( ... ) 




Per questo la musica mi fa orrore ( ... )  Odio quel linguaggio melodioso e incomprensibile che permette a certe persone di comunicarsi con disinvoltura cose vaghe, insolite; a volte ho perfino l'impressione che con la musica si comunichi qualcosa di sconveniente, di immorale.  (... ) Questa, non avendo nessun significato definibile a parole, deve possederne uno più pericoloso (... ). Non credi che sia così?... "
                                                         






Una recensione del libro qui ( dal blog di Giulia )


15 commenti:

  1. libro magnifico. Lo comprai qualche anno fa in una libreria che svendeva libri difettati. Il libro di marai avaeva una bruciatura sulla costola !!!

    RispondiElimina
  2. Magnifico anche per me. L'intreccio è elementare, ridotto all'osso ma, forse proprio per questo, ogni pagina è densa e ti mette di fronte a tutte le questioni nodali dell'esistenza .
    Ti invidio l'edizione con bruciatura!

    RispondiElimina
  3. ecco ora me lo devo comprare: lo voglio, lo voglio

    RispondiElimina
  4. Meravigliose parole. Sì, confermo: la musica, ma anche la Scrittura e l'Arte in generale, sono qualcosa di sconveniente, di immorale, di mortalmente pericoloso per la stolida feccia che regge i destini del mondo, e che per continuare a reggerli ha bisogno della maggior quantità possibile di grigiume, di squallore e di ignoranza!
    Grande post di giacynta, ancora una volta!
    Ciao! Un abbraccio.

    p.s. sì, davvero invidiabile l'edizione bruciata delle braci. Alla faccia di chi la mena e la stramena con gli e-book... :D

    RispondiElimina
  5. - Amanda, fallo, cara!

    - Nicola, mentre eri qui, io ero da te!
    Grazie per la tua presenza e per quanto hai scritto nel commento. Bacio.

    RispondiElimina
  6. Proprio non lo conosco. Grazie, lo cercherò perchè "mi ispira" . Buona giornata.

    RispondiElimina
  7. Ero una accanita lettrice di Marai, il suo libro che preferisco però è la recita di Bolzano. Un abbraccio. Carmen

    RispondiElimina
  8. Giacynta,
    mi hai incuriosita molto...vado a comprarlo anche io.
    Un post molto bello, pieno di energia e soprattutto molto interessante.

    RispondiElimina
  9. Quante egregie pagine ha ispirato la Mitteleuropa! Confesso, tuttavia, di conoscere solo appena un po' meglio Joseph Roth.

    RispondiElimina
  10. - Ciao, Sandra! Segui l'ispirazione... A me è piaciuto molto.

    - Carmen! Grazie per aver trovato il modo di passare di qui! Di Marai avevo letto Matrimonio a Buda e nient'altro.
    Leggerò La recita di Bolzano.
    Indipendentemente dai temi trattati, comunque importanti ( ordine-disordine; ragione-sentimento ecc., ), apprezzo di questo autore il modo in cui restituisce i personaggi. Ho l'impressione che li costruisca in relazione allo spazio che occupano e, avra sicuramente avvertito, seguendomi, che i luoghi esercitano su di me un fascino notevole... Ti abbraccio forte.

    - Zicin, grazie per ciò che mi scrivi! A presto, spero.

    - Adriano, è sicuramente una letteratura "invernale", adatta agli spiriti contemplativi e speculativi...

    Un bacio a tutti!

    RispondiElimina
  11. Libro che meriterebbe di entrare nella top 100 dei libri da leggere nella vita.

    RispondiElimina
  12. Un libro molto bello che come al solito tu presenti in modo molto originale e personale. Grazie per la citazione al mio vecchio blog...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. - Si, Jacqueline, sono assoutamente d'accordo.

    - Grazie a te Giulia, a presto,spero!

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. il commento qui sopra l'ho solo spostato nel post relativo.

    RispondiElimina